Pubblicato da il 6 Settembre 2017

Alla fine di agosto 2017, la Polizia Stradale ha fermato a Rovigo un autoarticolato guidato da un camionista privo di patenti superiori, di licenza di autotrasporto, di documenti e targa del semirimorchio e delle rilevazioni del cronotachigrafo.

Potrebbe partecipare ai Campionati mondiali di abusivismo nell’autotrasporto l’autista polacco fermato dalla Polstrada a Rovigo. Durante il controllo, gli agenti hanno scoperto una serie d’illeciti decisamente inquietante. Il primo riguarda la patente: secondo quanto riferisce Rovigo Oggi, l’autista aveva solo la B, nonostante fosse alla guida di un autoarticolato. Di conseguenza, non aveva neppure la CQC. Proseguendo con la verifica sui documenti, l’uomo non aveva l’autorizzazione comunitaria al trasporto internazionale e neppure i documenti del semirimorchio. C’era il cronotachigrafo, ma non era stato attivato. Ma le sorprese degli agenti non sono finite qua: durante il controllo al veicolo, hanno rilevato la mancanza della targa del semirimorchio e, cosa ben più grave, pneumatici danneggiati. Alla fine, il verbale ha sommato 10.590 euro.

Questo controllo rientra in una più ampia operazione della Polstrada di Rovigo, che dal 20 al 27 agosto ha scoperto dodici veicoli industriali che svolgevano autotrasporto internazionale senza autorizzazione comunitaria, staccando solo per questa infrazione verbali per 49.560 euro.

Fonte: www.trasportoeuropa.it