Pubblicato da il 6 ottobre 2017

L’associazione francese FNTR rileva un aumento della pressione dei migranti sui veicoli industriali diretti al porto per l’imbarco verso la Gran Bretagna.

Come denuncia la FNTR in una nota, “gli autotrasportatori subiscono le conseguenze della presenza migratoria a Calais con barriere sulle strade, intrusioni nei siti delle imprese del posto, danneggiamenti dei semirimorchi e delle merci”. Anche la navetta ferroviaria sotto la Manica subisce assalti.

Fonte: www.trasportoeuropa.it