Pubblicato da il 23 Giugno 2017

Il personale della Polizia di Stato appartenente alla Sottosezione Polizia Stradale di Avellino Ovest, impegnato nei controlli dell’autotrasporto professionale, ha concluso una brillante attività che ha permesso di sottoporre a sequestro un congegno elettronico collegato al tachigrafo digitale di un veicolo industriale di nazionalità lituana.

A cadere nella rete del controllo, effettuato sull’autostrada Napoli- Bari, è stato H.D., un cittadino lituano di 28 anni che viaggiava munito di tachigrafo digitale modificato da un sofisticato congegno elettronico che, una volta azionato, alterava la registrazione dei tempi di guida e di riposo del conducente, sottoposti a rigide restrizioni ai fini della sicurezza della circolazione stradale.

L’autotrasportatore, al momento del controllo, risultava in attività di riposo pur avendo percorso migliaia di chilometri e, per mezzo del citato dispositivo, aveva avuto modo di alterare le funzioni di registrazione dell’apparecchio, obbligatorio per legge su tutti i veicoli commerciali.

La falsa registrazione consentiva all’autista del mezzo pesante di non effettuare le prescritte “pause“ e “riposi” giornalieri” previsti dalle norme del codice della strada.
Questa volta, però, proprio l’incisività e la professionalità degli operatori di Polizia Stradale, ha interrotto l’attività illecita tesa ad eludere i controlli, che hanno come scopo principale la salvaguardia della sicurezza degli utenti della strada.

Gli Agenti della Sottosezione della Polizia Stradale di Avellino Ovest, insospettiti dal fatto che le ore di guida erano nettamente inferiori rispetto ai chilometri percorsi, hanno proceduto ad un’approfondita verifica tecnica che ha permesso di scoprire il dispositivo illegale di manomissione dei dati, il quale veniva poi sequestrato.
Conseguentemente, oltre alle contestazioni di legge a norma delle violazioni al Codice della Strada, si deferiva il conducente ed il titolare dell’azienda di trasporti estera per il reato di Omissione dolosa di cautele contro gli infortuni.

Inoltre al conducente lituano veniva ritirata la patente per il provvedimento di sospensione da applicarsi da parte della Prefettura di Avellino ed una sanzione pecuniaria pari a € 1698, con obbligo di pagamento immediato.

Oltre agli illeciti sopra descritti venivano riscontrate anche delle irregolarità concernenti il regolare trasporto internazionale e, per questo motivo, il conducente lituano veniva ulteriormente contravvenzionato.

Prosegue incessante l’attività di controllo da parte della Polizia Stradale di Avellino, tant’è che negli ultimi due giorni sono state riscontrate altre gravi violazioni concernenti trasporti abusivi in ambito internazionale, con fermo amministrativo dei veicoli e sanzioni amministrative di euro 4130.
Detta fenomenologia è costantemente attenzionata anche al fine di reprimere la concorrenza sleale posta in essere dai vettori stranieri, oltre alle indicate ragioni di salvaguardia della sicurezza stradale.

Fonte: www.irpinianews.it